Quando muore un grande autore

Quando muore un grande della musica è normale che ci si senta toccati personalmente, soprattutto se si hanno dei ricordi particolari legati all'opera dell'autore che scompare. Tuttavia non amo i necrologi strappacuore che molti lasciano sui diversi social perché ho sempre l'impressione che il ricordo, seppur sincero, del personaggio e della persona venga in qualche modo oscurato dall'egocentrismo di chi scrive.

Questo perché, in realtà, non proviamo dolore per la scomparsa di una persona, che abbiamo conosciuto solo indirettamente, ma per lo scorrere del tempo, l'impermanenza di tutti i fenomeni, compresi i bei momenti che abbiamo legato all'opera del musicista di cui, apparentemente, piangiamo la scomparsa. 

Trovo però che lo spazio più intimo offerto da queste cartoline sia perfetto per condividere con voi due ricordi legati al maestro Battiato che, se non metto per iscritto, ho paura che si mangeranno tutta la mia attenzione, buon umore e armoniosa disposizione verso il prossimo che invece ho necessità di tener vive per affrontare le prossime giornate. 

Il primo è il concerto che Franco Battiato tenne presso l'anfiteatro di Cagliari nel settembre del 2007.

Assistetti a quel meraviglioso evento, così intenso e coinvolgente, seduto accanto al mio amico del cuore Tony, che, con il suo impareggiabile umorismo dissacrante, mi faceva morire dalle risate tra un brano e l'altro. 

Il secondo, invece, risale all'anno scorso, credo fosse gennaio. Non vi nascondo che mi tremano le mani nello scrivere di quella sera. Eravamo io e Tony, a casa sua, e guardavamo su Sky-arte un bellissimo documentario su "La voce del padrone", mangiando castagne arrosto e accompagnandole con uno strepitoso rosso molisano. 

Ora che Tony non c'è più, almeno nella forma in cui potevamo sentirci, vederci, berci un bicchiere di vino insieme, andare a sentire un concerto, il ricordo di questi momenti ha la potenza di una macchina del tempo e, vi confesso, restare ancorato alla realtà è molto, molto difficile.

1 comment

  • Kenneth A. McLeod
    Kenneth A. McLeod Colorado
    The regenerative brakes doesn't work [url=https://spaekersbee.co]spaekersbee.com[/url] viably at low velocities. Consequently, a grating brake is needed alongside electric stopping mechanism.

    The regenerative brakes doesn't work spaekersbee.com viably at low velocities. Consequently, a grating brake is needed alongside electric stopping mechanism.

Add comment